La Palmaria - Matti da pescare

Cerca


Pagelli di taglia ridotta in tutta la rada esterna-presenza di tunnidi oltre le 5 miglia-Polpi Seppie in tutto il golfo- grossi Serra all'interno delle aree portuali-

Vai ai contenuti

Menu principale:

La Palmaria

Le zone di pesca

Il POZZALE

Per quanto riguarda la pesca da terra, possiamo considerare solo il Capo dell'isola, in quanto il resto é zona militare.

Possiamo insidiare saraghi , occhiate e tutte le specie di scoglio.



Questa zona è ottima per la pesca da natante; a bollentino possiamo effetuare catture di manfroni e pagelli nel periodo che va da fine estate ad inverno inoltrato.
Il Pozzale merita particolare attenzione , nella stagione autunnale, per la pesca al polpo .






CARLO ALBERTO


L'attività della pesca in questa zona, come in tante altre, richiede particolare attenzione alle ordinanze che regolamentano o vietano la pesca.
Questa zona va citata per la pesca all'orata sia da riva che dalla barca, lanciando all'interno del canale di transito, poichè permette di catturarne buone quantità di discreta taglia.



L'orata é presente in tutte le stagioni anche se in estate , visto l'elevato numero di imbarcazioni che transitano, si allontana in mare aperto perchè disturbata.



TORRE SCUOLA

La zona indicata è indicata per la pesca a galleggiante ma solo dalla barca.
Tutte la specie di scoglio, saraghi e occhiate sono le prede più comuni.
Il tramonto e la prime ore della notte sono le migliori .

A circa in centinaio di metri , in direzione tellaro, possiamo , a bollentino, tentare la cattura di pagelli nel periodo autunnale.
Nel periodo estivo questa zona risulta molto transitata dai natanti quindi, nelle ora diurne, diventa impossibile svolgere la nostra attività .
Risulta, inoltre, interessante per la pesca al polpo in autunno



PONENTE dell' ISOLA


Attenzione alla regolamentazione del perco di Portovenere che prevede solo l'attivtà della pesca a traina all'interno dello stesso.
A traina nell'immediato sottocosta possiamo ricercare aguglie, sugarelli e occhiate.

Trainando con il vivo , in fine estate e nei mesi invernale possimo tentare la cattura di Ricciole e leccie; mentre in primavera anche pesci serre.
Fuori dai limiti del parco ( vedi pagina dedicata alla informazioni) questa zona risulta interessante per la cattura di pagelli e manfroni .
In prossimità dei vecchi impianti di itticultura si può tentare , anche a jiggin,la catturra di grosse ombrine.
A qualche miglio dalla costa , a traina, tombarelli, tonnetti e palamite sono le prede più probabili.




 
Cerca nel sito
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu